menu
Cerrar

Come applicare il microcemento su vecchie piastrelle: passo dopo passo

Il microcemento è il miglior rivestimento decorativo per rinnovare le vecchie piastrelle perché è un materiale altamente aderente e soprattutto, perché permette di rinnovare e rivestire le piastrelle rapidamente e senza opere edili.

Questo valore aggiunto non è offerto da tutti i rivestimenti presenti sul mercato e ha dato impulso all'uso del microcemento levigato sulle piastrelle del bagno e della cucina. Una delle soluzioni decorative più richieste negli ultimi anni sia dai privati che dai professionisti delle imprese di decorazione e costruzione.

In questo articolo, discuteremo i principali vantaggi dell'uso del microcemento come rivestimento continuo per rinnovare le piastrelle, nonché i consigli più importanti per applicare con successo il microcemento levigato sulle piastrelle.

baño con azulejos
Grande e luminoso bagno con vecchie piastrelle sul pavimento e piatto doccia.

Vantaggi dell'applicazione del microcemento sulle piastrelle

1. Il microcemento viene applicato sulle piastrelle esistenti senza alcun lavoro

Il principale vantaggio del microcemento è la sua eccellente adesione e compatibilità con tutti i tipi di materiali, comprese le piastrelle, che è l'argomento che ci interessa oggi. In questo modo, il microcemento viene applicato direttamente sulle piastrelle senza la necessità di rimuoverle.

Ciò significa che non è necessario eseguire lavori per rimuovere le piastrelle e, poiché non c'è bisogno di rimuovere i detriti, non si generano rifiuti, il che fa risparmiare tempo e disagi, sia per il proprietario della casa o dei locali che per i vicini.

2. Il microcemento su piastrelle modernizza le stanze

L'applicazione del microcemento su vecchie piastrelle modernizza e trasforma rapidamente gli spazi, cambiando completamente il design delle stanze. Sono possibili molteplici finiture grazie all'ampia varietà di texture, vernici e colori di microcemento disponibili.

3. Possibilità di finiture antiscivolo e impermeabili di microcemento su piastrelle

Alcuni tipi di microcementi di ultima generazione forniscono essi stessi delle finiture antiscivolo che sono molto utili, soprattutto quando si utilizza il microcemento levigato per rinnovare le piastrelle del pavimento del bagno o della cucina.

È giusto il caso di alcuni dei microcementi che produciamo in Topciment , che garantiscono una pavimentazione continua antiscivolo dove non si verificano cadute e scivolamenti. Abbiamo anche vernici e sigillanti che hanno queste proprietà.

Un altro vantaggio dell'applicazione del microcemento su vecchie piastrelle è che si possono ottenere finiture impermeabili. Il bagno, per esempio, è una stanza che soffre costantemente di umidità ambientale e, quindi, non basta un qualsiasi rivestimento decorativo.

Noi di Topciment abbiamo progettato delle vernici specifiche con le quali sigillare le piastrelle del muro del bagno o del muro della doccia ricoperte di microcemento. Vernici di altissima qualità con le quali il microcemento levigato resisterà perfettamente all'umidità ambientale e all'acqua corrente (non stagnante).

Il microcemento è perfetto per le piastrelle del bagno e della cucina

Come avete potuto vedere, i vantaggi dell'applicazione del microcemento sulle piastrelle rendono questo rivestimento continuo ideale per coprire le piastrelle del bagno e della cucina. Qualità a cui dobbiamo aggiungere la facile manutenzione e pulizia del microcemento levigato.

Di seguito, vi mostriamo il prima e il dopo di alcuni lavori in cui il microcemento è stato applicato su vecchie piastrelle.

Prima e dopo piastrelle bagno rivestito con microcemento Sahara.
Il prima e il dopo di un bagno dove le vecchie piastrelle del pavimento e del piatto doccia sono state rinnovate con microcemento color Sahara.
Piastrelle frontali cucina rivestite con microcemento colore Kiwi
Il prima e il dopo di una cucina dove le piastrelle frontali sono state rivestite con il nostro microcemento colore Kiwi.

Rinnovare vecchie piastrelle con microcemento: applicazione e consigli

Per applicare il microcemento sulle piastrelle è essenziale avere un applicatore professionale e qualificato per fare un buon lavoro, come gli installatori di microcemento che lavorano con i nostri microcementi.

Solo allora non dovrete rimpiangere alcuni dei problemi più comuni che sono il risultato di errori nell'applicazione del microcemento.

8 passi per applicare il microcemento sulle piastrelle

1. Valutare lo stato delle piastrelle

La prima cosa da fare prima di applicare il microcemento direttamente sulle vecchie piastrelle è controllare lo stato delle piastrelle. Se il pavimento o il rivestimento presentano delle imperfezioni, non è possibile coprirle con il microcemento come se niente fosse. Il supporto dovrà essere riparato prima della posa del nostro microcemento levigato. Per questo è importante che la ristrutturazione sia effettuata da un professionista, perché saprà come localizzare queste imperfezioni.

2. Pulizia delle piastrelle prima dell'applicazione del microcemento

Dopo aver riparato le piastrelle, se necessario, le piastrelle devono essere accuratamente pulite prima di applicare il microcemento levigato in modo che non ci sia grasso o polvere.

3. Riempimento delle giunture delle piastrelle con microcemento

Una volta che il muro o il pavimento dove si trovano le piastrelle è pulito, è il momento di mettersi al lavoro. Il primo passo nell'applicazione del microcemento sulle piastrelle è quello di riempire le giunture. Poiché il microcemento levigato è un rivestimento continuo, se i giunti delle piastrelle non sono riempiti, il supporto di base non sarà stabile e ci saranno delle irregolarità che segnano i giunti.

4. Riempire le piastrelle da coprire con microcemento

Quando la superficie è livellata e le fughe delle piastrelle perfettamente riempite, è il momento di applicare il primer o il promotore di adesione corrispondente. Un prodotto fondamentale in quanto funge da ponte di adesione tra le piastrelle e il microcemento, in modo che quest'ultimo aderisca meglio.

In Topciment abbiamo prodotto una vasta gamma di primer a seconda della superficie su cui viene applicato il microcemento. In questo caso, che sono piastrelle, i nostri esperti consigliano di usare uno di questi due: Primapox Barrier o Primacem Plus. Svilupperemo entrambi in modo che tu sappia quale usare in ogni occasione.

Primapox Barrier è il nostro primer epossidico antiumidità che blocca l'umidità di risalita e agisce come barriera al vapore. Un promotore di adesione bicomponente e solido al 100% che è perfetto per le piastrelle delle pareti della doccia o del pavimento del bagno. Un prodotto innovativo che evita anche l'incollaggio dei giunti nel microcemento.

D'altra parte, puoi anche usare Primacem Plus, il nostro primer specifico per superfici non assorbenti come le piastrelle, che si applica in una sola mano.

Rivestimento bagno rivestito con microcemento colore Calabaza
Il prima e il dopo di un bagno dove il nostro microcemento colore Calabaza è stato utilizzato per rivestire il rivestimento del bagno.

5. Posa della rete in fibra nel primo strato di microcemento su piastrelle

Dopo aver consentito le relative ore di asciugatura (vedi schede tecniche), metteremo la rete in fibra sulle piastrelle prima di applicare il microcemento per proteggere il futuro rivestimento ed evitare crepe, fessure, ecc. Un passo che non tutti prendono in considerazione e che più tardi diventa un grande mal di testa.

Successivamente, applicare il primo strato di base di microcemento (Microbase) senza pigmento sulle piastrelle. Una volta che le piastrelle sono ben coperte dal microcemento, senza irregolarità, carteggiare il supporto.

6. Applicare la seconda mano di base di microcemento sulle piastrelle

Applicare il secondo strato di base di microcemento (Microbase). Questa volta deve essere pigmentato con il colore del microcemento scelto per coprire le vecchie piastrelle. Come nella fase precedente, la superficie deve essere levigata.

7. Applicare due mani di microcemento Microdeck o Microfino su piastrelle

Dopo la base di microcemento, applicare due mani di microcemento Microdeck o due mani di Microfino su piastrelle. Il primo è di solito usato per i pavimenti e il secondo per le pareti. Anche se le combinazioni possono essere fatte a seconda dei gusti, delle preferenze e delle finiture che si stanno cercando. Entrambe le mani saranno già pigmentate. In seguito, sabbia.

8. Proteggere e sigillare il microcemento su piastrelle

L'ultimo passo è uno dei più importanti. Serve a proteggere il rivestimento in microcemento delle piastrelle. Per questo, abbiamo tutti i tipi di vernici e sigillanti. Anche se in questa occasione, si consiglia di utilizzare due mani di Presealer e due mani di Topsealer WT One Coat.

Cucina con rivestimento e pavimento rivestiti con microcemento colore Piedra Paris.
Ristrutturazione impressionante di una cucina dopo aver utilizzato il microcemento colore Piedra Paris Topciment sul pavimento e rivestimento.

Consigli e raccomandazioni per la piastrellatura con microcemento

1. Rispettare i tempi di asciugatura

Quando si utilizza un primer per superfici non assorbenti come Primacem PLUS, è molto importante rispettare i tempi di asciugatura quando si rivestono le piastrelle con microcemento. Se le indicazioni e i tempi di asciugatura specificati nelle schede tecniche non vengono seguiti rigorosamente, l'umidità rimarrà intrappolata tra le mani e quindi le fughe delle piastrelle saranno segnate.

Con questi consigli eviterete di produrre il fallimento più comune quando si applica il microcemento sulle piastrelle. Un possibile errore che si evita utilizzando il primer Primacem Primapox Barrier, per il quale non è necessario essere così meticolosi con i tempi di asciugatura grazie alla sua capacità di bloccare l'umidità capillare.

2. Lasciare asciugare 24 ore prima di applicare il secondo strato di microcemento

Un'altra raccomandazione degli esperti di Topciment, anche nel caso di utilizzo di Primacem PLUS, è quella di lasciare un periodo di 24 ore di asciugatura tra il primo e il secondo strato di base di microcemento.

Un processo che non tutti fanno perché non è obbligatorio, ma con il quale il professionista assicura che ci sia molto meno probabilità di marcare i giunti per un errore nell'applicazione del microcemento su piastrelle. Con Primapox Barrier sarà fatto con il sistema normale. Cioè, applicando la seconda mano di Microbase immediatamente dopo la prima.

3. Impregnare le piastrelle prima di applicare il secondo strato di microcemento

Raccomandiamo inoltre che 24 ore dopo l'applicazione della prima mano di microcemento, che è un tempo più che sufficiente per la sua corretta asciugatura, il microcemento che ricopre le piastrelle venga nuovamente trattato con Primacem PLUS.

Un consiglio rivolto solo agli applicatori più esperti e grazie al quale il livello di assorbimento delle successive mani di applicazione del microcemento su piastrelle sarà equalizzato. Un'uguaglianza che riduce drasticamente i segni visivi dei giunti che hanno diversi punti di assorbimento.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi nella tua e-mail i consigli per l'applicazione e la cura del microcemento, le ultime tendenze e le novità dei prodotti Topciment.